IO LEGGO/14: JEAN-CLAUDE IZZO

La biografia di Stefania Nardini e la trilogia di Fabio Montale

 

Nella biografia che Stefania Nardini ha dedicato allo scrittore marsigliese, questa fascinazione è esplorata in tutta la sua potenza e, oseremmo dire, quasi senza ritegno.

Tra l’autrice e il lettore si stabilisce, allora, una sorta di complicità, e la Nardini si presenta a noi come guida, per farci rivedere con i suoi occhi tante immagini e colori che la lettura delle opere di Izzo ci aveva regalato e ci aveva fatto immaginare.

La Nardini ammette, infatti, che la sua permanenza marsigliese alla ricerca di Izzo si è dilatata oltre le attese, e questa sua ammissione ci coinvolge, ci avvicina e ci fa sentire uniti in un’opera che già sappiamo impossibile: definire un personaggio come Izzo; definire una città come Marsiglia.

Marsiglia non è una città per turisti, ci ricordava Izzo.

Marsiglia è una città di mare che ha realizzato nei secoli continui esperimenti di convivenza fra i popoli del Mediterraneo.

Lingue, musica, sapori si sono mescolati nel reticolo della città vecchia come per l’intervento di un saggio alchimista.

Il sole e il mare hanno fatto macerare insieme piante, piatti, dialetti e costumi originando una miscela unica e fragile.

L’equilibrio di Marsiglia è stato precario e miracoloso e si è sconvolto quando la storia della città non è stata più rispettata.

A Marsiglia giunge Gennaro Izzo, il padre di Jean-Claude, provenendo da un paesino della Campania. Per sempre unite, Napoli e Marsiglia creano i nabos.

Sempre aperta all’arrivo di stranieri, Marsiglia è la città dei rital, cioè dei figli d’immigrati. Marsiglia accoglie tutti e tutti ammalia.

Marsigliesi si diventa, potremmo dire.

Questa Marsiglia così complessa e sul punto di scomparire diventa lo scenario dei capolavori di Izzo.

Il personaggio più noto di Izzo è sicuramente Fabio Montale che possiamo seguire nelle opere della trilogia che lo vede protagonista. Montale si muove per le strade di Marsiglia e ce ne mostra le bellezze e le aree più a rischio.

Non è utile ripercorrere qui tutta la bibliografia di Izzo e possiamo quindi rinviare al testo della Nardini.

Di sicuro possiamo però segnalarvi il volume delle edizioni e/o che comprende Casino Totale, Chourmo e Solea, la cosiddetta trilogia di Fabio Montale: una lettura che v’introdurrà ad un noir che sa anche essere letteratura senza se e senza ma, senza generi, senza limiti. Un’esperienza di lettura che vi farà scoprire l’amara bellezza di un mondo complesso e di un personaggio che non potrete dimenticare.

 

Jean-Claude Izzo. Storia di un marsigliese
Stefania Nardini
Edizioni e/o, Pagine 144, € 15,00
Casino Totale – Chourmo – Solea
La trilogia di Fabio Montale
Jean-Claude Izzo
Edizioni e/o, Pagine 692, € 19,50