IO LEGGO/19: ALICIA GIMÉNEZ-BARTLETT: MIO CARO SERIAL KILLER

Alicia Giménez-Bartlett: Mio caro serial killer

di Antonio Fresa

 

Pedra Delicado, l’ispettrice di Barcellona, nata dalla penna della scrittrice spagnola Alicia Giménez-Bartlett, è alle prese con una serie di delitti che la costringono a misurarsi con un serial killer e con situazioni sempre più difficili.

In una Barcellona, sempre frenetica e piena di vita, come accade spesso nelle grandi città, ci sono decine di persone che quasi si mimetizzano nello scorrere della vita e vivono un’esistenza silenziosa e solitaria.

Queste persone stanno ai margini, osservano e scrutano, In questa vicenda donne sole e poco attraenti diventano la “preda” preferita per un seriali killer che, a differenza di tutti gli altri, inizia a studiarne i movimenti e le speranze.

Solitudine, nostalgia e desiderio di essere amate si trasformano in un micidiale miscuglio che concede un grande vantaggio all’assassino. Nessuno conosce queste donne, nessuno ne registra le abitudini, nessuno sembra in grado di offrire un indizio.

Le notizie corrono veloci e le forze di polizia sono assediate e sotto pressione. Pedra Delicado, l’ispettrice al centro di tante indagini create da Alicia Giménez – Bartlett, è costretta a muoversi su di un terreno quasi ignoto.

L’ispettrice, nelle sue indagini, fa da sempre coppia con il suo vice Fermín Garzón con il quale ha raggiunto un grande affiatamento lavorativo e umano che li ha aiutati a superare anche momenti davvero difficili.

L’umorismo del suo vice è sempre stato per Pedra il miglior antidoto alla sua tendenza alla depressione e, quando tutto sembra incomprensibile e nero, i due poliziotti sono soliti affidarsi a memorabili sbronze e mangiate per uscire dalle difficoltà.

Questa volta il lavoro diventa ancor più complesso perché le insistenze delle autorità portano i dirigenti della polizia ad aggiungere alla coppia d’investigatori un ispettore della Polizia autonoma della Catalogna, con il compito di dirigere le indagini. Pedra e Fermín sono costretti ad accettare la situazione e, dopo un’iniziale diffidenza, impareranno a scoprire anche le virtù del collega.

Le indagini vanno avanti fra una speranza delusa e qualche nuovo elemento. Anche la vita familiare di Pedra è travolta dal ritmo delle indagini e l’ispettrice ha l’impressione di essersi persa in un labirinto di indizi che sembrano non portare alla scoperta del colpevole.

Le giornate scorrono e le notizie si succedono fino alla svolta finale che svelerà un quadro ancor più inquietante.

Alicia Giménez-Bartlett
Mio caro serial killer
Sellerio, 2018
Pagine 474; € 15,00