POLITICA

ELEZIONI EUROPEE: CASTEL SAN GIORGIO – VADEMECUM E NOTIFICA NUOVE UBICAZIONE SEGGI

Domenica 26 maggio i cittadini italiani sono chiamati alle urne per le elezioni europee: verranno eletti 76 membri del Parlamento europeo spettanti all’Italia, tre in più rispetto alle precedenti elezioni del 2014 per effetto della Brexit. La Campania rientra nella circoscrizione plurinominale “Italia meridionale” insieme ad Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata e Calabria, a cui sono assegnati 18 seggi. Tuttavia il meccanismo di attribuzione dei seggi non garantisce che il numero di eletti in ogni circoscrizione sia pari ai seggi che teoricamente le sono attribuiti.

A seguito della chiusura del plesso scolastico a Trivo, gli elettori di questa frazione ovvero votanti presso i seggi n°11 e n° 13 potranno esercitare il loro diritto al voto presso la scuola media di Lanzara dove tra l’altro è ubicata anche la sezione elettorale n° 7. Restano invariati gli indirizzi delle altre sezioni elettorali.

Come si vota – Le urne saranno aperte domenica 26 maggio dalle ore 7 alle ore 23. Ogni elettore deve votare una lista e può indicare fino a tre candidati della lista circoscrizionale votata. La seconda e terza preferenza saranno annullate qualora l’elettore indichi rispettivamente due o tre candidati dello stesso sesso, in modo da garantire la rappresentanza di genere.

Quindi sintetizzando si può esprimere:

  • Una preferenza, uomo o donna;
  • Due preferenze ma alternate, un uomo e una donna;
  • Tre preferenze, purché non siano tutte e tre dello stesso genere.

Sono previste sanzioni per coloro che entreranno nella cabina con il telefono cellulare e non è consentita neppure la presenza di figli minori nella cabina per accompagnare il genitore.

Elettori non deambulanti

Gli elettori non deambulanti, iscritti in sezioni elettorali ubicate in edifici non accessibili mediante sedia a ruote, possono votare in qualsiasi altra sezione elettorale del comune allestita in un edificio privo di barriere architettoniche.
Tali elettori, per poter votare, devono presentare, oltre alla tessera elettorale, una documentazione dalla quale risulti l’impossibilità o la capacità gravemente ridotta di deambulazione, e cioè una certificazione medica rilasciata dall’azienda sanitaria locale oppure una copia autentica della patente di guida speciale.
Il voto è espresso nella cabina o al tavolo appositamente allestiti per gli elettori non deambulanti.

Documenti da presentare al momento del voto di fotografia.

I documenti di identità da presentare al momento del voto sono quelli ricompresi in una delle tre seguenti categorie:

  • a) carta d’identità o altro documento d’identificazione munito di fotografia, rilasciato dalla pubblica amministrazione;
  • b) tessera di riconoscimento rilasciata dall’Unione nazionale ufficiali in congedo d’Italia, purché munita di fotografia e convalidata da un Comando militare;
  • c) tessera di riconoscimento rilasciata da un ordine professionale, purché munita di fotografia.

ELEZIONI EUROPEE: SI VOTA DOMENICA 26 MAGGIO 2019

Domenica 26 maggio i cittadini italiani sono chiamati alle urne per le elezioni europee: verranno eletti 76 membri del Parlamento europeo spettanti all’Italia, tre in più rispetto alle precedenti elezioni del 2014 per effetto della Brexit. La Campania rientra nella circoscrizione plurinominale “Italia meridionale” insieme ad Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata e Calabria, a cui sono assegnati 18 seggi. Tuttavia il meccanismo di attribuzione dei seggi non garantisce che il numero di eletti in ogni circoscrizione sia pari ai seggi che teoricamente le sono attribuiti.

Come si vota – Le urne saranno aperte domenica 26 maggio dalle ore 7 alle ore 23. Ogni elettore deve votare una lista e può indicare fino a tre candidati della lista circoscrizionale votata. La seconda e terza preferenza saranno annullate qualora l’elettore indichi rispettivamente due o tre candidati dello stesso sesso, in modo da garantire la rappresentanza di genere.

Quindi sintetizzando si può esprimere:

  • Una preferenza, uomo o donna;
  • Due preferenze ma alternate, un uomo e una donna;
  • Tre preferenze, purché non siano tutte e tre dello stesso genere.

Sono previste sanzioni per coloro che entreranno nella cabina con il telefono cellulare e non è consentita neppure la presenza di figli minori nella cabina per accompagnare il genitore.

ELEZIONI/6: FACSIMILE SCHEDE PER SENATO E CAMERA

Due le schede che saranno consegnate ai cittadini che si recheranno alle urne per le elezioni politiche: una di colore giallo per il Senato (per gli elettori che hanno compiuto 25 anni), l’altra rosa per la Camera per tutti i maggiorenni. La nuova legge elettorale si basa su un sistema misto: per un terzo maggioritario, per due terzi proporzionale.

Le schede elettorali riflettono questo sistema. Contengono il nome del candidato nel collegio uninominale nel rettangolo posto sopra ogni lista o più liste se il candidato è il rappresentante di una coalizione. Nella stessa scheda, nella parte sottostante – dedicata ai colleghi plurinominali – sono riportati il simbolo del partito e della lista o i simboli dei partiti appartenenti ad una coalizione di liste collegate al candidato del collegio uninominale. Nei collegi plurinominali, accanto ai simboli, sono riportati i candidati dei listini proporzionali, che al massimo possono avere quattro nomi.

l modo più semplice per votare è mettere una croce sola sulla lista che si vuole votare: in questo modo il voto va alla lista e anche al candidato del collegio uninominale.

È possibile anche mettere una sola croce sul candidato del collegio uninominale. In questo caso poi il voto viene ripartito tra le liste in proporzione ai loro voti ottenuti nel collegio. Così facendo, di fatto, si rinuncia a scegliere una lista all’interno di una coalizione.

Il voto disgiunto invece non è consentito. Quindi una scheda che riporta un segno su una lista e uno su un candidato all’uninominale diverso verrebbe annullata, così come – ovviamente – quella che riporta due segni su due liste differenti

ELEZIONI/5: TAGLIANDO ANTIFRODE

Tra le novità introdotte dal Rosatellum per le prossime elezioni del 4 marzo c’è la cosiddetta scheda elettorale con “tagliando antifrode”, un escamotage ideato per impedire il voto di scambio usando schede già votate. 

In pratica al cittadino verrà consegnata una scheda munita di un codice progressivo alfanumerico generato in serie, lo stesso riportato sul tagliando cartaceo allegato, che verrà annotato sul registro.

Dopo aver votato, l’elettore non dovrà più mettere la scheda nell’urna, come è stato fino ad oggi, bensì dovrà consegnarla al presidente del seggio.

Il presidente a quel punto staccherà il tagliando dalla scheda e confronterà il codice con quello appuntato. Solo dopo tale controllo il presidente del seggio inserisce la scheda nell’urna che – dopo aver staccato il tagliando – tornerà ad essere anononima. 

Il meccanismo è descritto nell’articolo 58 della legge 361 del 1957, come aggiornata dalla legge che ha introdotto il Rosatellum:
L’elettore consegna al presidente la scheda chiusa e la matita. Il presidente constata la chiusura della scheda e, ove questa non sia chiusa, invita l’elettore a chiuderla, facendolo rientrare in cabina; ne verifica l’identita’ esaminando la firma e il bollo, e confrontando il numero scritto sull’appendice con quello scritto sulla lista; ne distacca l’appendice seguendo la linea tratteggiata, stacca il tagliando antifrode dalla scheda, controlla che il numero progressivo sia lo stesso annotato prima della consegna e, successivamente, pone la scheda senza tagliando nell’urna.

Questo stratagemma è stato introdotto per evitare che il cittadino porti con sè e consegni schede contraffate, compilate fuori dal seggio.

(FONTE REPUBBLICA.IT)

ELEZIONI/4: GESTIONE DATI ELETTORALI

In attesa delle prossime consultazioni elettorali del 4 marzo p.v. che aggiornerò in tempo reale, ho realizzato uno spazio che dia al cittadino la possibilità di acquisire tutte le informazioni relative alle elezioni in corso in modo da poter consultare i dati immessi dagli operatori durante lo spoglio elettorale.

E’ possibile inoltre consultare i dati in qualsiasi momento poiché i dati  rimarranno conservati in un archivio sempre disponibile. I dati possono essere consultati in maniera aggregata o disaggregata (seggio per seggio) con i relativi voti di preferenze con stampa sia in excel che in pdf. Ogni ulteriore suggerimento, rettifica o variazione sarà ben accetto (info@gianfrancolari.it)

E’ possibile fornire ai Comuni o ai partiti politici o movivmenti che ne facciano richiesta questo tipo di servizio. Attualmente il servizio è attivo solo per il Comune di Castel San Giorgio.

In linea ci sono i dati relativi alle seguenti consultazioni

  • ELEZIONI EUROPEE 2014
  • ELEZIONI CAMERA E SENATO 2013
  • ELEZIONI REGIONALI 2010 – 2015
  • ELEZIONI COMUNALI 1999- 2004 – 2005 – 2010 – 2015 – 2017

Se vuoi accedere alla sezione clicca qui

ELEZIONI/3: SENATO DELLA REPUBBLICA- COLLEGIO N° 10 UNINOMINALE

FONTE PREFETTURA DI SALERNO

Elezioni politiche di domenica 4 marzo 2018 – Assegnazione spazi per la propaganda elettorale per l’elezione del Senato della Repubblica.

AMALFI ANGRI ATRANI BARONISSI
BRACIGLIANO CASTEL SAN GIORGIO CAVA DE’ TIRRENI CETARA
CONCA DEI MARINI CORBARA FISCIANO FURORE
MAIORI MERCATO SAN SEVERINO MINORI NOCERA INFERIORE
NOCERA SUPERIORE PAGANI PELLEZZANO POSITANO
PRAIANO RAVELLO ROCCAPIEMONTE SALERNO
SAN MARZANO SUL SARNO SAN VALENTINO TORIO SANT’EGIDIO DEL MONTE ALBINO SARNO
SCAFATI SCALA SIANO TRAMONTI
VIETRI SUL MARE

Ai fini dell’assegnazione degli spazi per la propaganda elettorale da parte delle Giunte comunali (artt. 2 e 5 della legge 4 aprile 1956, n, 212) si comunica che l’Ufficio Elettorale Regionale presso la Corte d’Appello di Napoli ha ammesso in via definitiva per l’elezione del SENATO della Repubblica  del 4 marzo 2018 le liste dei candidati nel collegio      plurinominale  n.3 e i nomi dei candidati nel collegio uninominale n. 10 – SALERNO, indicate secondo l’ordine del sorteggio sottoindicato:

  Candidati nel Collegio Uninominale Liste dei candidati nel Collegio Plurinominale

collegate con il candidato Uninominale

1 GIOVANNA GERARDI CASAPOUND ITALIA
2 CAROLINA FALANGA PARTITO REPUBBLICANO ITALIANO -ALA
 

3

 

BARBATO IANNUZZI detto “TINO”

PARTITO DEMOCRATICO
CIVICA POPOLARE LORENZIN
ASSOCIAZIONE  “+EUROPA”
ITALIA EUROPA INSIEME
4 STEFANO PANICCI PARTITO COMUNISTA
5 VALENTINA RESTAINO POTERE AL POPOLO !
6 GIOVANNI LAMBIASE detto GIANPAOLO LIBERI E UGUALI
 

7

 

PASQUALE MARRAZZO

LEGA NORD
FRATELLI D’ITALIA CON GIORGIA MELONI
NOI CON L’ITALIA – UDC
MOVIMENTO POLITICO FORZA ITALIA
8 ANNAMARIA NACCHIA ITALIA AGLI ITALIANI
9 VALERIO TORRE PER UNA SINISTRA RIVOLUZIONARIA
10 ROSALBA MORINELLI PARTITO VALORE UMANO
11 ALFONSO GAMBARDELLA IL POPOLO DELLA FAMIGLIA
12 ANDREA CIOFFI MOVIMENTO 5 STELLE

 

 

ELEZIONI/2: CAMERA DEI DEPUTATI – COLLEGIO N° 7 UNINOMINALE

FONTE PREFETTURA DI SALERNO

Elezioni politiche di domenica 4 marzo 2018– Assegnazione spazi per la propaganda elettorale per l’elezione della Camera dei Deputati della Repubblica.

ANGRI BRACIGLIANO CASTEL SAN GIORGIO CORBARA
NOCERA INFERIORE NOCERA SUPERIORE PAGANI ROCCAPIEMONTE
SAN MARZANO SUL SARNO SAN VALENTINO TORIO SANT’EGIDIO DEL MONTE ALBINO SARNO
SCAFATI SIANO  

Ai fini dell’assegnazione degli spazi per la propaganda elettorale da parte delle Giunte comunali o dei Commissari (artt. 2 e 5 della legge 4 aprile 1956, n, 212) si comunica che l’Ufficio Centrale Circoscrizionale Campania 2 presso la Corte d’Appello di Napoli ha ammesso in via definitiva per l’elezione della Camera dei Deputati della Repubblica  del 4 marzo 2018  le liste dei candidati nel collegio plurinominale  n. 3 e i nomi dei candidati nel collegio uninominale n.7 -SCAFATI, indicate secondo l’ordine del sorteggio sottoindicato:

  Candidati nel Collegio Uninominale Liste dei candidati nel Collegio Plurinominale

collegate con il candidato Uninominale

1 MARIA AURICCHIO 10 VOLTE MEGLIO
2 GIUSEPPE FORTUNATO ITALIA AGLI ITALIANI
3 RITA ANNARUMMA PER UNA SINISTRA RIVOLUZIONARIA
4 VINCENZO DEL GAUDIO PARTITO VALORE UMANO
5 SALVATORE PISAPIA CASAPOUND ITALIA
6 DEA SQUILLANTE LIBERI E UGUALI
7 ERMINIA MAIORINO POTERE AL POPOLO !
 

8

 

EDMONDO CIRIELLI

NOI CON L’ITALIA – UDC
FRATELLI D’ITALIA CON GIORGIA MELONI
MOVIMENTO POLITICO FORZA ITALIA
LEGA NORD
9 VIRGINIA VILLANI MOVIMENTO 5 STELLE
10 BASILIO DE MARTINO IL POPOLO DELLA FAMIGLIA
11 MARCO CUOCO PARTITO COMUNISTA
 

12

 

MAURO MACCAURO

ITALIA EUROPA INSIEME
PARTITO DEMOCRATICO
ASSOCIAZIONE  “+EUROPA”
CIVICA POPOLARE LORENZIN

 

ELEZIONI 1: IL ROSATELLUM IN DETTAGLIO

La nuova legge elettorale ha introdotto in Italia un sistema misto, proporzionale e maggioritario: un terzo dei seggi tra Camera e Senato sarà eletto in scontri diretti nei collegi uninominali, i restanti due terzi saranno eletti con sistema proporzionale. Rivisti anche tutti i collegi: in Campania ci sono 22 collegi uninominali per la Camera e 14 collegi uninominali per il Senato; parallelamente, sono costituiti tre collegi plurinominali per la Camera per l’elezione di 20 depuati e altri tre collegi per il Senato per l’elezione di 18 senatori. Il Comune di Castel San Giorgio

CAMERA

Il collegio uninominale Scafati, Campania 2.08 è composto dai comuni Angri, Bracigliano, Corbara, Castel San Giorgio, Nocera Inferiore, Nocera Superiore, Pagani, Roccapiemonte, San Marzano sul Sarno, San Valentino Torio, Sarno, Scafati e viene eletto il candidato delle coalizioni che ha raggiunto il numero più alto di voti

Il collegio plurinominale Campania 2.03, in cui vengono attribuiti 7 seggi, è costituito dall’intera provincia di Salerno (ad eccezione dei comuni passati al collegio uninominale di Ariano Irpino) attraverso l’aggregazione dei collegi uninominali di Campania 2.07 – Scafati, Campania 2.08 – Salerno, Campania 2.09 – Battipaglia e Campania 2.10 – Agropoli e la ripartizione dei seggi avviene secondo il metodo proporzionale D’Hondt.

 

SENATO

Il collegio uninominale Campania‐10 ‐ Salerno comprende i due collegi uninominali Camera Campania 2‐07  (Amalfi, Atrani, Baronissi, Cava de’ Tirreni, Cetara, Conca dei Marini, Fisciano, Furore, Maiori, Mercato San Severino, Minori, Pellezzano, Positano, Praiano, Ravello, Salerno, Scala, Tramonti, Vietri sul Mare) e Scafati e Campania 2‐08 (Angri, Bracigliano, Corbara, Castel San Giorgio, Nocera Inferiore, Nocera Superiore, Pagani, Roccapiemonte, San Marzano sul Sarno, San Valentino Torio, Sarno, Scafati) e viene eletto il candidato delle coalizioni che ha raggiunto il numero più alto di voti

Il collegio plurinominale Campania 3, in cui vengono attribuiti 6 seggi, aggrega i restanti quattro collegi uninominali Senato comprendendo la parte orientale della città metropolitana di Napoli e l’intera provincia di Salerno, ad eccezione dei comuni “ceduti” ad Ariano Irpino (collegi uninominali Senato Campania 5 – Portici, Campania 9 – Torre del Greco, Campania 10 – Salerno e Campania 11 – Battipaglia) e la ripartizione dei seggi avviene secondo il metodo proporzionale D’Hondt.

 

(Gianfranco Lari)

NOI CON SALVINI: CASTEL SAN GIORGIO, NOMINATO IL NUOVO COORDINATORE

Riceviamo e volentieri pubblichiamo il comunicato stampa del partito “NOI CON SALVINI”

In questi giorni la schiera dei salviniani in provincia di Salerno si sta arricchendo di nuovi e preziosi elementi, sono stati infatti nominati Francesco Coppola e Mario Morrone rispettivamente coordinatore cittadino di Castel S. Giorgio e dirigente provinciale, queste le dichiarazioni a caldo dei due nuovi giovani acquisti di Matteo Salvini:  “La mia nomina a coordinatore cittadino, che oggi ho accettato con molto orgoglio e piacere, proviene da un grande desiderio di poter riaffermare che esiste ancora la possibilità di ripartire, di rinnovare, di cambiare in questo territorio in cui vivo, dove vi è una deriva autodistruttiva che sta deteriorando l’ambiente e le relazioni tra gli uomini.

La mia iniziativa politica sarà volta a diffondere sul territorio quei sani principi di cui questo movimento politico ha fatto le fondamenta e di cui anche io sono pienamente convinto. In un paese in cui prevalgono le polemiche, gli scontri, gli opportunismi, gli scandali è ancora possibile scegliere di riedificare e dialogare. Mi rendo conto che è come proporre una politica di pace in tempo di guerra, ma non ci sono alternative se l’impegno è diretto e personale. Bisogna armarsi della consapevolezza che è possibile ricostruire anche con una politica mite, fatta fuori dal clamore e dal rumore della polemica. Una politica fatta di gesti semplici e di buon senso. Fatta di rispetto, ma anche di decisioni convinte; fatta di futuro per tutti e non solo per pochi privilegiati.

Bisogna lavorare per migliorare le relazioni, per qualificare le politiche ambientali, per allargare i diritti civili, per favorire una cittadinanza attiva.” Così Mario: “Sono molto felice della fiducia che mi è stata accordata da Matteo Salvini, si tratta di una grande responsabilità. Ringrazio lui ed il segretario Falcone per l’opportunità di poter dimostrare quanto sia importante per me impegnarsi attivamente per il mio territorio con persone che veramente tengono alla propria gente, al proprio paese. Mi aspetta un duro e lungo lavoro ma sono convinto che il modo migliore per onorare tale impegno sia quello di stare vicino ai nostri compaesani ascoltarli e farsi istanza delle loro richieste. La gente è stanca e scoraggiata, c’è bisogno di cambiamento e di dare la possibilità ai giovani di potersi riprendere in mano il loro futuro per se e per le proprie famiglie.

Questo che stiamo attraversando è un periodo triste per il nostro paese, sotto molteplici aspetti, è ora di rimboccarsi le maniche, affrontare e risolvere i problemi, questo dobbiamo fare, non scappare, ed io ci sono e tutti noi dobbiamo esserci, solo così potremmo avere un futuro migliore”.

Mariano Falcone (Segretario provinciale Noi con Salvini – Salerno)
(Segreteria provinciale: piazzetta Felice Tafuri n.12 Salerno – Torrione – 089712186)
tutte le notizie ed iniziative del movimento sono visibili sulla pagina facebook
https://www.facebook.com/noiconsalvinisalerno